Legal Tech Forum 2023 si avvicina: appuntamento al 29 novembre per il ritorno della prima conferenza in Italia dedicata alle tecnologie legali 

Fuori il programma della settima edizione, forte del ritorno in presenza nella Cappella Farnese di Palazzo d’Accursio a Bologna. Si parlerà, tra gli altri, di Cybersecurity, Intelligenza Artificiale, Metaverso e Legal Transformation

Il 2023 è stato senza dubbio l’anno dell’intelligenza artificiale. La proliferazione su larga scala dei suoi strumenti ha presto acceso il dibattito sulle molteplici implicazioni legate allo sviluppo della tecnologia – a partire dall’analisi di rischi e criticità e le necessarie valutazioni del suo impatto sui diritti e sulla creatività umani – ma ha anche gettato uno sguardo sulle (tante) opportunità che offre, in primis l’automatizzazione dei processi. Non stupisce quindi che uno tra i panel di Legal Tech Forum 2023, la prima conferenza in Italia dedicata all’universo delle tecnologie legali, sia dedicato proprio agli scenari che apre l’ingresso dell’intelligenza artificiale nel mondo legal.

Quest’anno ha visto però anche il boom del Metaverso, concetto che, seppur teorizzato negli anni ‘90 del Novecento, ha assistito ad un rinnovato successo grazie all’interesse dimostrato dalle big tech: professionisti del settore si confronteranno su cosa significa il suo sviluppo per il diritto. Non mancheranno poi le incursioni nel mondo blockchain e legal design, con interventi volti a esplorare l’utilizzo di questa disciplina nell’accesso alla giustizia, nell’innovazione legale e nella stesura di contratti e policies in cui il principio cardine è la messa dell’utente al centro. 

L’edizione 2023 di Legal Tech Forum dedicherà una sezione anche a cybersecurity, digital forensics e intellectual property. Tra le domande a cui cercheranno di rispondere i relatori: quali sono i rischi e le opportunità della smart society? Come può la tecnologia OSINT prevenire le minacce aziendali? Quali sono le prospettive future della digital forensics? Altre storie di cui sentiremo parlare nel corso della giornata racconteranno del tentativo di alcune big tech di cancellare la memoria online, o, spostandosi più vicino a casa, delle falle rilevate nel noto sistema identificativo SPID

25 esperti del settore, selezionati tra università, studi legali, aziende e startup, dialogheranno su questo e molto altro, cercando di individuare insieme le sfide e le questioni che caratterizzano presente e futuro delle tecnologie legali. L’appuntamento della conferenza, organizzata da Legal Tech Italy, è a mercoledì 29 novembre nella cornice di Palazzo d’Accursio a Bologna


Tra i protagonisti dell’edizione, Bending Spoons (Irene Pozzi), Legalcommunity (Nicola di Molfetta), CNIT (Alessandro Cantelli Forti), Cellularline (Massimo Marabese) e le Università di Bologna (Monica Palmirani, Michele Colajanni), Milano (Giovanni Ziccardi), Padova (Paolo Moro) e Torino (Alberto Oddenino). Main sponsor sarà Partners4Innovation, realtà del gruppo Digital360 che da anni assiste le imprese lungo il processo di trasformazione digitale. Sponsor Gold saranno Conga, fornitore di software specializzato in automazione dei processi aziendali, e EUforLEGAL, società di consulenza in materia di digitalizzazione e informatizzazione di grandi organizzazioni e studi legali. Sponsor Silver saranno invece OPEN Dot Com, che supporta il lavoro e la crescita degli studi professionali con prodotti informatici e servizi telematici, e Deloitte Legal, tra le più grandi realtà italiane a offrire consulenza in ambito legale alle aziende.  


Il programma completo della conferenza è disponibile sul sito di Legal Tech Forum 2023, su cui si possono acquistare i biglietti dell’evento in versione standard bird. Utilizzando il codice DISCL_FYT49 in fase di acquisto, è possibile ottenere uno sconto sul biglietto.

Leggi anche