Gestione del magazzino, logistica e spedizioni per le start up: tra sfide e opportunità

Nel corso degli anni sono nate start up che sono riuscite ad immettere sul mercato prodotti del tutto nuovi, unici nel loro genere, capaci di portare ad una vera e propria rivoluzione. Prodotti di questa tipologia sono proprio ciò di cui il mercato ha bisogno e le start up devono far scendere in campo tutto il loro talento per riuscire a renderli sempre più performanti e curati in ogni più piccolo dettaglio e per riuscire a farli conoscere quanto più possibile.

Migliorare la produzione per una start up non è certo un problema, soprattutto perché oggi sono molte le tecnologie che possono essere prese in considerazione. Non è un problema neanche far conoscere i prodotti, dato che oggi è possibile farsi pubblicità in molti più modi rispetto al passato, anche online, anche a costi davvero irrisori. Quando una start up riesce in tutto questo, il suo prodotto diventa richiestissimo. Le start up non possono che dirsi felici di questo, perché si traduce nella possibilità di entrare davvero a testa alta nel mondo del lavoro, di trasformarsi da semplice start up a realtà di grande successo. Una domanda sempre crescente comporta però per le start up anche una vera e propria sfida: gestire il magazzino, la logistica e le spedizioni non è infatti affatto semplice!

Alcune start up provano a gestire tutto in modo autonomo, perché sono alla ricerca del massimo risparmio possibile. Ci rendiamo perfettamente conto di questo sia importante per le start up cercare di risparmiare, ma con una logistica sbagliata possiamo assicurarvi che è possibile incorrere in problemi che comportano danni economici di immensa entità. Basti pensare a cosa potrebbe accadere nel caso in cui si commettano degli errori nella spedizione, nel caso in cui il prodotto arrivi danneggiato, nel caso in cui il prodotto torni indietro perché non si è stati in grado di sbrigare la burocrazia doganale necessaria per l’estero: rallentamento del lavoro, sostituzione dei prodotti, rimborsi, perdita dei clienti.

Proprio perché questi sono i rischi, le start up non devono fare tutto in modo autonomo ma devono assolutamente prendere in considerazione un’azienda specializzata in logistica startup che le possa aiutare. Un’azienda di questa tipologia si occupa in prima persona del magazzino, dell’imballaggio e dell’etichettatura dei prodotti. Si occupa poi della logistica, delle spedizioni nazionali e di quelle internazionali che hanno bisogno anche di adeguati servizi doganali. Si occupa di scegliere la tipologia di spedizione migliore in base alla quantità di merce che deve essere spedita, con la possibilità quindi anche di dividere la spedizione fra più start up che hanno la stessa zona di consegna, in groupage quindi. Si occupa anche di sicurezza, al fine di garantire che il prodotto arrivi a destinazione integro, in perfetto stato.

Una logistica ben fatta toglie molti pensieri alle start up e consente loro di concentrarsi solo ed esclusivamente sul prodotto e sul cliente. Si tratta insomma di una vera e propria opportunità. Concentrandosi infatti sul prodotto, la start up può migliorarlo e riscuotere un successo ancora più elevato. Concentrandosi sul cliente, la start up può migliorare la comunicazione, fidelizzare i clienti che è riuscita a scovare e trovarne anche di nuovi.

Comments

comments

Powered by Facebook Comments

startup

Arriva il portiere virtuale per tutti. Con l’app si apre il portone e ricevere pacchi non è più un problema

Usufruire di un servizio di portierato può davvero risolvere molte delle piccole e grandi incombenze quotidiane. Pensiamo ad esempio alla consegna dei pacchi. L’ascesa dell’e-commerce ha reso milioni di italiani dipendenti dagli orari dei corrieri, ma non solo. Se, infatti, guardiamo un condominio nella sua interezza, sono molte le occasioni che richiedono a un inquilino o agli amministratori di rendere […]

Read More
startup

Nasce Cherry SearchBar, il motore di ricerca per l’analisi di posizioni debitorie

Cherry SearchBar è il nuovo tool di Cherry Bit, rivolto ai titolari di una posizione di credito deteriorato o a chi deve erogare credito, per un’analisi in via preventiva. Basta digitare un codice fiscale o partita IVA per recuperare in pochi secondi tutto il patrimonio informativo collegato. L’analisi del credito diventa ancora più facile e […]

Read More
startup

L’arte di saper ascoltare veramente i consumatori: come identificare e rispondere ai loro bisogni in 5 passi con il metodo UNGUESS?

Non serve solo avere buoni strumenti di sviluppo tecnico per creare prodotti o servizi di successo: il segreto è saper ascoltare il mercato e poter testare ogni passaggio del processo di sviluppo, coinvolgendo in prima persona l’utente finale in tutte le fasi, dalla creazione alla commercializzazione.Perché ogni impresa, piccola o grande che sia, dovrebbe partire […]

Read More