Archivio della categoria: News

I dati anagrafici in formato elettronico nella nuova carta d’identità

Se n’è sentito parlare tanto, e ora pare che sia molto prossima alla realtà: secondo la circolare 10/2016 del Ministero dell’Interno, la carta d’identità elettronica potrà essere chiesta a partire dal quattro luglio. I cittadini che faranno domanda per averla si troveranno, così, i propri dati anagrafici in formato digitale, invece che cartaceo.

 

Uso

La nuova forma del documento d’identità servirà a mostrare i dati anagrafici del proprietario e potrà essere usata anche per viaggiare nei Paesi dell’Unione Europea e in quelli in cui l’Italia ha stretto accordi specifici.

 

Richiesta

Per chiedere la carta d’identità elettronica bisogna andare al Comune di residenza o dimora, se si tratta del primo rilascio, in caso che quella cartacea sia rotta, danneggiata, persa o rubata. In più, le persone maggiorenni possono esprimere il proprio consenso o rifiuto alla donazione di organi e tessuti dopo la morte.

 

Organizzazione

Le sedi comunali saranno dotate di postazioni informatiche tramite cui registreranno i dati anagrafici del cittadino, da trasferire poi nel nuovo documento elettronico.

Quando queste postazioni saranno attive, nella fase sperimentale del progetto l’ente rilascerà la carta d’identità elettronica e non si potrà più emettere quella cartacea, né quella elettronica originaria. Tutti i documenti di identità rilasciati prima dell’emissione di quello elettronico definitivo resteranno validi fino alla loro scadenza.

 

Tempi

Dalla richiesta, la carta d’identità elettronica è consegnata entro sei giorni lavorativi all’indirizzo fornito dal cittadino, o presso la sede Comunale di riferimento.

 

Forex : le regole più importanti da seguire

Per seguire i mercati e investire nel Forex occorre seguire delle regole molto importanti. L’obiettivo è quello di guadagnare soldi e limitare al minimo le perdite. Occorre pazienza e intuito per imparare i segreti dei più grandi broker di tutto il mondo. Ecco la regole più importanti da seguire nel Forex.

 

La prima regola è investire quello si può, non si deve mai fare il passo più lungo della gamba. Impostare il budget di investimento equivale ad impostare il massimo di quello che si può perdere. Seconda regola, non esistono calcoli matematici certi, analizzare l’andamento dei mercati non è mai senza rischi, occorre quindi saper calcolare i rischi minimi nell’investire il proprio denaro. Terza, importante per chi si avvicina per la prima volta al Forex. Bisogna conoscere gli strumenti, i software da utilizzare e studiare e le varie recensioniforex

 

Quarta regola importantissima, non farsi prendere la mano. Nel Forex le vincite e i guadagni sono reali cosi come lo sono le perdite. Rispettare il programma di partenza con i limiti di investimento è fondamentale. Ultima regola, conoscere il mercato in cui si opera. Con l’esplosione del mercato del Forex molti neofiti hanno iniziato ad investire, chi non ha studiato e approfondito l’argomento è andato in contro a perdite. Bisogna quindi approfondire, informarsi con gli strumenti e le guide adatte. La rete e gli esperti di Forex mettono a disposizione libri, ebook e guide per conoscere questo mercato. Non informarsi è uno degli errori più gravi che può compromettere totalmente il proprio investimento.

 

Giochi dalla console al mobile: arriva Limbo sull’AppStore

Sulla scia di una nuova tendenza nel mondo del gaming anche un altro titolo storico nato per console è finalmente disponibile per dispositivi mobili e schermi touch screen. E’ Limbo, uno dei videogame indipendenti più apprezzati degli ultimi anni dai players su Xbox, comparso online nel 2010.
La tendenza evidenzia come le case produttrici di console, sviluppatori e software house stiano sempre più puntando sulla confluenza dell’esperienze di gioco online su pc e su dispositivi mobili per permettere agli utenti di giocare ovunque e con qualsiasi titolo, senza essere vincolati dalla piattaforma o dalla tipologia di gioco.
Infatti se i dispositivi mobili sono i meno indicati al momento per giocare giochi d’azione o di strategia per cui è preferibile una buona risoluzione grafica in modo anche da sopperire alle dimensioni ridotte del dispositivo nel prossimo futuro si prospetta che il miglioramento delle tecnologie permetterà di poter equiparare tablet e smartphone alle moderne console di gioco.
Intanto fanno capolino sempre più titoli originari dal mondo delle console sugli store per smartphone e tablet.
Limbo è uno di quei titoli come Braid e Flower che meritano di avere successo per il solo fatto di volersi differenziare, di uscire al di fuori del già noto e dal gioco best seller. In Limbo il protagonista non è un impavido eroe senza paura pronto a tutto, ma un bambino in cerca della sorella in una ambientazione anche un po’ grigia e triste, tutto in bianco e nero.
Limbo nasce come gioco low cost in Danimarca creato dalla software house Playdead, pensato come gioco un po’ retro, con una struttura molto semplice di superamento degli ostacoli e diversi rompicapi , ma che lascia soddisfatti coloro che in un gioco cercano suggestive atmosfere e straordinari scenari. Limbo per iPhone e iPad sarà disponibile sull’AppStore a 4,49 Euro anche se ovviamente le versioni precedenti per Pc, Mac, PS e Xbox risultano al momento decisamente migliori per una esperienza di gioco completa, rispetto all’ambiente touch dei dispositivi mobili.

Dall’unione di Libero e Matrix nasce ItaliaOnline

 

Dall’unione di Libero e Matrix, i due player che hanno fatto la storia internet del nostro Paese, nasce Italia Online, la nuova grande realtà digitale italiana che apre un nuovo capitolo della storia del web fatto di evoluzione e innovazione.

Italia Online è il frutto del processo di integrazione iniziato dopo che, il 1° Novembre scorso, Libero srl, a cui fanno capo l’omonimo portale e la società di servizi internet ITnet, aveva completato l’acquisizione per 88 milioni di euro di Matrix, società che controlla Virgilio, le concessionarie di pubblicità Niumidia Adv e Iopubblicità e il servizio di informazioni 1254.

Italia Online si presenta con un logo che si ispira al brand storico del primo internet provider italiano, ma non si tratta di un ritorno, bensì di un nuovo inizio.
Nuovo è il segno grafico che rappresenta un abbraccio, così come il colore che esprime la nuova identità del gruppo: è stato scelto il blu Savoia, cioè il colore delle maglie delle nostre nazionali sportive, a testimonianza della mission: unire il meglio dell’Italia digitale. Il brand è stato ideato e realizzato dalla divisione creativa interna a Matrix, centro di eccellenza del design digitale.

“In un momento delicato nella nostra economia, il digitale è uno strumento fondamentale per la ripresa economica e per rendere più competitivo il sistema delle imprese” – ha commentato Antonio Converti, Presidente e Amministratore Delegato di ItaliaOnline – “Vogliamo contribuire diventando la piattaforma internet per le grandi imprese e per le numerose PMI italiane”.

 


 

Advertising nazionale, advertising locale e servizi internet alle imprese sono le tre aree di business su cui si focalizzerà la strategia del nuovo gruppo.

Sul fronte dell’advertising nazionale, dall’unione delle due concessionarie Libero Advertising (Libero) e Niumidia (Matrix), nasce Italia Online ADV, che punta a rafforzare il proprio ruolo da protagonista, sviluppando un’offerta sempre più ricca di soluzioni di comunicazione che sfruttino al meglio le audience di Libero e Virgilio. Insieme i due portali rappresentano la più importante web property italiana, con oltre il 60% di market reach, corrispondente a circa 20 milioni di visitatori unici mensili (Nielsen NetRatings, Dicembre 2012) e 14 milioni di email account attivi.

Libero da oggi si presenta con un’immagine completamente rinnovata. Un nuovo logo con il claim “nato digitale” a sottolineare il posizionamento di portale nato con internet e focalizzato al mondo dei servizi online. La nuova home page è caratterizzata da un’interfaccia innovativa progettata per una fruizione multidevice.

 

 

Virgilio, che rispetto a Libero ha sempre avuto un’anima più editoriale, si focalizzerà soprattutto sui contenuti e l’intrattenimento. In attesa di un prossimo restyling, ripropone in chiave rivisitata il logo storico con cui è stato conosciuto e amato da tanta parte della popolazione internet italiana, unito al famoso claim “il bello di internet”.

I due portali faranno da piattaforma di promozione per nuove iniziative editoriali e di e-commerce verticali, autonome e specializzate, la prima delle quali è DiLei magazine dedicato alle donne e ai loro interessi.

Il secondo pilastro della strategia di Italia Online è l’advertising locale con la concessionaria Iopubblicità. Il servizio di directory 1254, i portali locali di Virgilio e la audience combinata di Libero e Virgilio, costituiscono una piattaforma di comunicazione unica a disposizione di piccole e medie imprese, artigiani, e professionisti.

La terza area di business è rappresentata dai servizi Internet alle imprese offerti da ITnet, società di cloud computing e sviluppo applicativo del gruppo che gestisce i data center che ospitano Virgilio, Libero e importanti clienti. ITnet si pone come interlocutore credibile e innovativo per la realizzazione di soluzioni internet nel mercato corporate. Ma la nuova offerta di ITnet guarda anche alle PMI attraverso Apritisito che consente a chiunque di creare il proprio sito e di avere una rilevante presenza in rete, con un’interfaccia molto semplice e intuitiva.


Nuove misure per le start up italiane

 

Terrazzini & Partners, studio di consulenti del lavoro con sedi a Milano, Lodi e Vigevano, informa che sul proprio sito web, online all’indirizzo www.terrazzini.it, è stata pubblicata una nuova circolare contenente il decreto legge n.179 del 18 ottobre 2012, nel quale sono riportate alcune misure per la crescita e lo sviluppo dell’Italia, con particolare riferimento alle start up. Il documento è particolarmente interessante in quanto stabilisce una lunga serie di linee guida per le realtà imprenditoriali nate da poco, al fine di favorirne la crescita e il posizionamento sul mercato.

Le società di capitali – anche in qualità di cooperative – sono le destinatarie del provvedimento, purché sottostanti al diritto italiano; il decreto, tuttavia, vale anche per società appartenenti alla comunità europea ma con sede in Italia. Tra i requisiti che devono essere posseduti, questi sono i più importanti: la società deve esistere da non più di 48 mesi; il totale della produzione annua non deve superare i 5 milioni di euro; l’impresa non deve aver distribuito utili; il campo di interesse della società deve essere necessariamente legato allo sviluppo, alla produzione o alla vendita di servizi o prodotti che hanno a che fare con l’innovazione tecnologica.

Inoltre, l’impresa deve possedere uno dei seguenti ulteriori requisiti:

  • spese di sviluppo e ricerca uguali o superiori al 30% del maggior valore fra costo e valore totale della produzione;
  • avere in organico, a titolo di collaboratori o in qualità di dipendenti, lavoratori che possiedono un titolo di dottorato di ricerca, oppure un diploma di laurea con almeno 3 anni di ricerca presso enti pubblici o privati in Italia o all’estero: queste figure devono corrispondere almeno al 30% della totale forza lavoro impiegata;
  • sia titolare (ovvero licenziataria) di almeno una privativa industriale relativa ad un’invenzione, biotecnologica, ad una topografia di prodotto a semiconduttori o ad una nuova varietà vegetale direttamente efferenti all’oggetto sociale e all’attività d’impresa.

Il decreto prevede anche la presenza di un incubatore certificato, cioè un soggetto che offra servizi che sostengano la nascita di start up innovative, come ad esempio la proprietà di strutture, anche immobiliari, che possano accogliere aziende giovani e innovative; allo stesso modo, deve disporre di attrezzature utili allo svolgimento delle attività della start up; collabora regolarmente con università e centri di ricerca.

Tutte le restanti informazioni sulla retribuzione dei lavoratori e sui fattori che disciplinano il lavoro a termine sono sul sito sito di Terrazzini&Partners, studio di consulenti del lavoro a Milano che fornisce alle aziende servizi qualificati ed esperienza nel settore.

Terrazzini & Partners

Fubles tra le app del nuovo App Center di Facebook

 

Fubles, il social network per gli appassionati di calcetto che vanta oggi oltre 136.000 iscritti, oggi si fa ancora più social grazie all’App Center di Facebook, lanciato ufficialmente ieri.

Infatti, nella vetrina dell’App Center, potrete trovare Fubles tra le 600 applicazioni web e mobile raccolte. E non solo: nella categoria ‘Sport’, Fubles è l’unica app italiana tra le prime 10 segnalate, posizionandosi al quinto posto: https://www.facebook.com/appcenter/category/sports/?platform=allplatforms

Con Fubles potete trovare partite, giocatori e campi nella propria zona oppure organizzare la propria partita in qualunque momento: dal sito www.fubles.com o direttamente sul cellulare basterà prenotare un campo, caricare la partita nel sistema e Fubles invierà una convocazione a tutti i giocatori disponibili nei dintorni. Inoltre, è possibile entrare subito nel vivo del post-partita con il sistema di voti e pagelle di Fubles che scatenano i più classici sfottò e le animate discussioni tipiche di ogni incontro che si rispetti.