Archivio dell'autore: admin

Gestione del magazzino, logistica e spedizioni per le start up: tra sfide e opportunità

Nel corso degli anni sono nate start up che sono riuscite ad immettere sul mercato prodotti del tutto nuovi, unici nel loro genere, capaci di portare ad una vera e propria rivoluzione. Prodotti di questa tipologia sono proprio ciò di cui il mercato ha bisogno e le start up devono far scendere in campo tutto il loro talento per riuscire a renderli sempre più performanti e curati in ogni più piccolo dettaglio e per riuscire a farli conoscere quanto più possibile.

Migliorare la produzione per una start up non è certo un problema, soprattutto perché oggi sono molte le tecnologie che possono essere prese in considerazione. Non è un problema neanche far conoscere i prodotti, dato che oggi è possibile farsi pubblicità in molti più modi rispetto al passato, anche online, anche a costi davvero irrisori. Quando una start up riesce in tutto questo, il suo prodotto diventa richiestissimo. Le start up non possono che dirsi felici di questo, perché si traduce nella possibilità di entrare davvero a testa alta nel mondo del lavoro, di trasformarsi da semplice start up a realtà di grande successo. Una domanda sempre crescente comporta però per le start up anche una vera e propria sfida: gestire il magazzino, la logistica e le spedizioni non è infatti affatto semplice!

Alcune start up provano a gestire tutto in modo autonomo, perché sono alla ricerca del massimo risparmio possibile. Ci rendiamo perfettamente conto di questo sia importante per le start up cercare di risparmiare, ma con una logistica sbagliata possiamo assicurarvi che è possibile incorrere in problemi che comportano danni economici di immensa entità. Basti pensare a cosa potrebbe accadere nel caso in cui si commettano degli errori nella spedizione, nel caso in cui il prodotto arrivi danneggiato, nel caso in cui il prodotto torni indietro perché non si è stati in grado di sbrigare la burocrazia doganale necessaria per l’estero: rallentamento del lavoro, sostituzione dei prodotti, rimborsi, perdita dei clienti.

Proprio perché questi sono i rischi, le start up non devono fare tutto in modo autonomo ma devono assolutamente prendere in considerazione un’azienda specializzata in logistica startup che le possa aiutare. Un’azienda di questa tipologia si occupa in prima persona del magazzino, dell’imballaggio e dell’etichettatura dei prodotti. Si occupa poi della logistica, delle spedizioni nazionali e di quelle internazionali che hanno bisogno anche di adeguati servizi doganali. Si occupa di scegliere la tipologia di spedizione migliore in base alla quantità di merce che deve essere spedita, con la possibilità quindi anche di dividere la spedizione fra più start up che hanno la stessa zona di consegna, in groupage quindi. Si occupa anche di sicurezza, al fine di garantire che il prodotto arrivi a destinazione integro, in perfetto stato.

Una logistica ben fatta toglie molti pensieri alle start up e consente loro di concentrarsi solo ed esclusivamente sul prodotto e sul cliente. Si tratta insomma di una vera e propria opportunità. Concentrandosi infatti sul prodotto, la start up può migliorarlo e riscuotere un successo ancora più elevato. Concentrandosi sul cliente, la start up può migliorare la comunicazione, fidelizzare i clienti che è riuscita a scovare e trovarne anche di nuovi.

I biglietti da visita: un classico intramontabile

Il bigliettino da visita deve essere uno strumento che consente di contraddistinguersi immediatamente dalla massa.

Ecco qualche consiglio utile su cui basarsi per realizzare uno strumento che possa essere definito come ottimale sotto ogni punto di vista.

Il materiale del bigliettino da visita e la stampa

Un materiale che possa essere subito riconosciuto e che trasmetta quella sensazione di qualità elevata: sono questi i parametri sui quali bisogna basarsi nel momento in cui si deve far stampare un bigliettino da visita in modo originale e che sia in grado di contraddistinguersi dalla massa.

Questo strumento, infatti, deve offrire la completa occasione di essere originali quindi sfruttare un cartoncino che sia spesso o lucido, o comunque originale al massimo, rappresenta la soluzione ideale che deve essere necessariamente adottata.

In questo modo il biglietto da visita verrà visto come maggiormente piacevole da vedere e considerato come professionale.

Logo e scritte in bella vista

Il logo e le diverse informazioni devono essere studiate in maniera accurata affinché sia possibile ottenere un risultato finale perfetto, ovvero dare quella parvenza di originalità al biglietto stesso.

Lo studio del font deve essere svolto col massimo livello di cura proprio per tramutare quel semplice biglietto da visita in uno strumento originali che verrà sfruttato senza alcuna imprecisione.

Stesso discorso per quanto riguarda le colorazioni delle scritte, che non devono essere contrastanti e quindi infastidire la vista di una persona ma, al contrario, dovranno essere originali al massimo e fare in modo che quel bigliettino possa essere visto come unico nel suo genere.

Grazie a tali accorgimenti sarà dunque possibile ottenere un risultato finale di prima qualità in grado di rispecchiare perfettamente tutte le proprie esigenze.

Il biglietto da visita e lo sfondo

Infine, come ultima caratteristica per rendere la stampa digitale del biglietto da visita migliore, occorre focalizzarsi sullo sfondo che deve essere sfruttato per la realizzazione dello stesso biglietto.

Questo deve essere necessariamente in linea col settore di appartenenza e fare in modo che le informazioni stesse possano essere risaltate senza alcun tipo di imprecisione.

Sfruttando questo criterio aggiuntivo si potrà avere l’occasione di trasformare il proprio biglietto da visita in uno strumento unico che verrà considerato da chi lo riceve.

Pertanto piccoli dettagli per un lavoro che deve essere necessariamente originale e in grado di rispondere perfettamente a tutte le proprie esigenze senza alcun tipo di imprecisione ed errore.

Le startup possono arrivare al successo? L’esempio di una realtà specializzata in grafica e stampa

Sono sempre più numerosi i giovani che decidono di dare vita ad una startup. Sono giovani che hanno sicuramente una buona idea imprenditoriale in mente e che probabilmente sono riusciti a cogliere le esigenze presenti in uno specifico settore che ancora non sono state soddisfatte. Sono giovani che spesso hanno accesso anche a molte agevolazioni e prestiti e che proprio grazie a questo supporto sono in grado di dare sprint alla loro attività. Sono giovani che oggi come oggi hanno anche a disposizione molti corsi di formazione, che consentono loro di diventare sempre più esperti, competenti e professionali. Tutto questo è vero, ma è vero anche che molti giovani alle prese con la loro start up si chiedono se riusciranno mai a far decollare veramente quell’attività, se riusciranno mai a trasformarla in una realtà di grande successo.

I dubbi sono molti, così come le incertezze e le paure, prima di tutto la pura di sbagliare, di aver perso tempo prezioso, di aver gettato al vento un’occasione. Ci rendiamo perfettamente conto che questo tipo di sentimento è da considerarsi come del tutto normale, sia perché si tratta di un sentimento tipico delle persone più giovani che ancora non sanno che cosa la vita ha in serbo per loro, sia perché si tratta di un sentimento tipico della nostra epoca contemporanea che ci ha abituati a vivere ogni aspetto del nostro quotidiano in modo instabile, precario. Ci teniamo però a dire ai giovani che continuando sulla strada dell’incertezza non riusciranno mai a decollare, perché sprecano energie e tempo. Tutti questi cattivi pensieri devono quindi essere spazzati via. Per riuscire a farlo, è importante andare alla ricerca di tutte quelle start up che ce l’hanno fatta, leggere le loro storie, capire quali siano stati i passi giusti che hanno intrapreso, e da loro riuscire a prendere esempio.

Abbiamo deciso allora di raccontarvi la storia di una realtà specializzata in grafica Padova, che da startup si è trasformata in poco tempo in un vero e proprio leader di questo settore oggi così importante per tutti coloro che hanno bisogno di farsi promozione e di dare nuovo slancio alla visual communication d’impresa. Stiamo parlando di Q&B Grafiche. La start up nasce nel 1991 grazie a Massimo Quaggiato e Armando Bernardi che, dopo anni di gavetta nel settore, hanno deciso di dare vita ad una loro realtà imprenditoriale, piccola, con un solo collaboratore appena, in un ufficio di 70 metri quadri di superficie. Massimo Quaggiato e Armando Bernardi erano consapevoli sin dal primo momento che questo settore così concorrenziale non avrebbe dato loro vita facile e che era necessario fare in modo di diversificare la propria attività quanto più possibile da ogni altra realtà presente. Come? Con l’innovazione e le nuove tecnologie ovviamente.

Sono riusciti a comprendere quali fossero i migliori macchinari e le migliori metodologie tra quelle disponibili e così hanno avuto la possibilità di ottenere una resa di stampa migliore di molte altre aziende che operavano in questo settore già da moltissimi anni, di garantire tempi di lavorazione davvero molto stretti e anche di abbassare i costi. In questo modo sono riusciti a rispondere al meglio alle esigenze dei clienti di oggi, clienti che non hanno bisogno solo di prodotti d’eccellenza, ma che ne hanno bisogno in fretta, spesso all’ultimo minuto, clienti che vogliono fare promozione per riuscire a farsi conoscere e a far crescere le loro entrate, ma che non hanno purtroppo un budget elevato per questo genere di attività. E così hanno sbaragliato la concorrenza, riuscendo ad ottenere il successo che molte altre attività da tempo volevano raggiungere, riuscendo a diventare leader del settore.

Hanno inoltre capito che i clienti non vogliono mai essere lasciati da soli. Proprio per questo motivo hanno creato un servizio di consulenza e progettazione che offre ai clienti la possibilità di ottenere supporto in ogni fase, dal momento della scelta del prodotto più adatto alla realizzazione. In questo modo i clienti si sentono messi al primo posto, ascoltati, capiti e riescono a fidarsi, diventando fedeli a questa realtà a lungo negli anni. Non solo, hanno capito anche quanto sia importante cercare di mettersi sulla strada della sostenibilità ambientale, per diversificarsi dalle altre aziende del settore che risultano sin troppo inquinanti, per dimostrare ai clienti di non essere interessati solo al guadagno, di avere un cuore, di voler essere parte del cambiamento che il mondo deve necessariamente intraprendere per migliorare.

Come lavorare nelle pubbliche relazioni: ecco il percorso

Ecco come lavorare nelle pubbliche relazioni: scopri tutto il percorso da compiere per riuscire a lavorare nel mondo della comunicazione.

Uno dei lavori al giorno d’oggi più ambiti dai giovani e non ha a che fare con le pubbliche relazioni. Si tratta di un mestiere nel quale si cura a tutto tondo l’immagine aziendale e pubblica di un’azienda. Si redigono comunicati stampa, si lavora sui social, si gestisce tutto ciò che concerne la comunicazione verso l’esterno di un brand o di una piccola media impresa.

Ebbene, fare questo mestiere non è certamente semplice. Tuttavia, è necessario percorrere un percorso ben definito. In questa guida vi sveleremo quale.

1. Laurea? Sì ma non è necessaria

Per lavorare in un’agenzia che si occupi di pubbliche relazioni Milano, Torino e qualsiasi altra città del nostro Paese, non è così necessario prendere una laurea.Questo perché ciò che conta di più è accumulare esperienza.Tuttavia, se desiderate comunque approfondire delle nozioni o comunque implementare la vostra cultura, vi consigliamo il corso di Scienze della Comunicazione. Si tratta di un corso di laurea della durata di 3 anni e ad accesso libero nel quale studierete tutto ciò che concerne la comunicazione, da quella più tradizionale a quella più innovativa contraddistinta dal mondo digitale. Insomma,una laurea eterogenea che vi permetterà senza dubbio di ampliare le vostre conoscenze.

2. Fate esperienza

Dopo aver preso la laurea, è necessario da subito lanciarsi per fare più esperienza possibile. Il nostro consiglio è mandare curricula a più agenzie di comunicazione, in modo da sperare che vi assumino perlomeno come stagisti. In questo modo riuscirete a comprendere come lavora un addetto stampa, il suo metodo e soprattutto tutte le sue strategie comunicative. Insomma, una sorta di scuola pratica dove apprendere tutti i trucchi del mestiere per poi metterli da subito in pratica.

3. Createvi una vostra rete di contatti

Per lavorare nelle pubbliche relazioni, i contatti sono una cosa davvero fondamentale. QUesto perché vi permettono di ampliare la vostra comunicazione e soprattutto di rappresentare al meglio l’azienda che gestite da un punto di vista comunicativo. Il nostro consiglio è crearvi da subito una lista di contatti, più o meno importanti, da curare e con cui interagire. Così facendo, non solo riuscirete ad implementare la vostra rete di clienti, ma anche la vostra rete di contatti per il vostro lavoro.

Come creare un evento aziendale di successo: piccole dritte

Devi creare un evento aziendale? Ecco come renderlo di successo con le nostre dritte strategiche ed efficaci.

Quando si organizza un evento aziendale nulla deve essere lasciato al caso. Questo perché ne va della buona riuscita della serata e soprattutto della vostra professionalità. Ebbene, se avete intenzione di preparare un particolare evento aziendale, sia che si tratti di un convegno, di una conferenza stampa o di una cena, ecco cosa dovete assolutamente considerare per organizzare una serata perfetta e davvero impeccabile.

1. Curate nel dettaglio l’invito

L’invito è il primo elemento da preparare, probabilmente uno dei più importanti. Cercate di realizzare inviti sì accattivanti ma anche informativi, al fine di spronare i vostri invitati a partecipare al vostro evento. Scrivete tutte le informazioni necessarie, da numeri di telefono per confermare la presenza, fino ad indirizzi per raggiungere il luogo prescelto. Nel caso in cui scegliate una location lontana dal centro città o comunque difficile da raggiungere, aggiungete ai vostri inviti sotto forma di cartoline personalizzate anche la mappa del luogo, al fine di permettere a tutti di arrivare presso la location senza troppi problemi.

2. Scegliete la location

Ora arriva il momento di scegliere la location. In questo caso, tutto dipende dal numero di partecipanti che avete previsto al vostro evento. È chiaro che se si parla di un numero esiguo, non è necessario prenotare sale enormi e dispersive. Di contro, se invece avete previsto un numero sostanzioso, meglio esagerare ed evitare location troppo piccole e quasi soffocanti. Insomma, scegliete la giusta via di mezzo, e non dimenticate la reperibilità del luogo. Potete sì optare per zone un po’ fuori città, ma abbiate cura sempre di segnalare la zona e di aiutare i partecipanti a raggiungere il posto prescelto senza troppa fatica.

3. L’intrattenimento ed il cibo

Dopo aver fatto ciò, è importante curare l’intrattenimento ed il cibo. In questo ultimo caso potete affidarvi ad un’agenzia di catering che curi il menu dall’inizio alla fine, disponendo anche i tavoli e tutto ciò che occorre per mangiare. Per quanto concerne l’intrattenimento, la scelta sta a voi ed alla vostra fantasia. Potete chiamare dei comici, degli intrattenitori, dei giocolieri, degli indovini, insomma tutti personaggi estrosi in grado di far ridere ed intrattenere. La cosa più importante è creare sì un evento aziendale ma evitare di far annoiare gli ospiti con serate noiose e che praticamente non passano mai.

Vantaggi della pubblicità cartacea e di quella digitale

Vuoi conoscere i vantaggi della pubblicità cartacea e di quella digitale? Ecco una guida che ti chiarirà ogni dubbio in merito.

Avete da poco aperto una start-up e state cercando dei modi per promuovere la vostra azienda e girare la voce della vostra nuova apertura? Tra gli strumenti molto utilizzati dalle imprese abbiamo sia la pubblicità cartacea che quella digitale. Entrambe detengono vantaggi e svantaggi ma sono comunque ottimi metodi per far parlare di sé e soprattutto per attrarre nuova ipotetica clientela.

Ebbene, se anche voi avete deciso di utilizzare la pubblicità cartacea o quella digitale, ecco i vantaggi di cui sicuramente usufruirete molto presto.

Vantaggi pubblicità cartacea

Per pubblicità cartacea si intende la classica pubblicità tradizionale, volta ad usare mezzi come volantini, brochure, opuscoli e così via. Uno dei vantaggi più significativi è senza dubbio la sua capacità di coinvolgere un pubblico molto ampio e che potenzialmente non conosce ancora nulla di voi. Difatti, ad esempio, i volantini vengono spesso distribuiti in luoghi di aggregazione come piazze, centri commerciali, mostre o fiere. Le brochure, invece, sono uno strumento diverso che mira ad avvicinare un utente che vi è venuto a trovare in sede e che sa già chi siete. Insomma, hanno il compito di convincere in modo definitivo una clientela ancora indecisa se affidarsi a voi. Tra gli altri vantaggi, la pubblicità cartacea è senza tempo, uno strumento che difficilmente andrà a scomparire nel corso degli anni. Per questo potreste servirvene come e quando desiderate.

Vantaggi pubblicità digitale

La pubblicità digitale si serve di strumenti ben specifici come newsletter, banner pubblicitari, annunci sponsorizzati sui social, landing page e così via. Sicuramente la pubblicità digitale è molto meno costosa rispetto a quella tradizionale: non necessita, infatti, di stampe o produzioni di copie in quanto tutto viene strutturato in rete. Tra le altre cose, questo tipo di pubblicità coinvolge anche una fascia mirata di utenti, già potenzialmente interessati a ciò che vendete. Per cui il suo scopo è semplicemente quello di convincerli ad acquistare un prodotto o a richiedere più informazioni su un determinato servizio. La pubblicità digitale si serve anche dei video aziendali, da sempre molto immediati nella loro comunicazione. Realizzati con agenzie che si occupano di produzione video Milano, questi hanno lo scopo di incuriosire l’utente e solo dopo fidelizzarlo al brand.