Come aprire un’agenzia investigativa

Le agenzie investigative sono sempre più diffuse in Italia e i clienti non mancano. Il motivo è semplice: circolando meno denaro, così come aumentano i ricorsi per recuperare quanto perso, così aumentano le richieste alle agenzie investigative per cercare informazioni utili ai fini processuali e non solo.

Quali sono i casi per cui si chiama un’agenzia investigativa? Aumentano i casi di infedeltà tra i coniugi, ma le vere novità in questo settore sono i casi di assenteismo dal lavoro: in un periodo di recessione economica, si cerca di ottimizzare le risorse e ogni assenteista scovato è un risparmio per l’azienda.

Quali sono le spese maggiori per aprire la tua agenzia investigativa? Le spese per iniziare sono quelle tipiche di un ufficio: oltre all’affitto, all’arredamento e alle utenze, le agenzie investigative devono pagare una licenza (le licenze sono divise per tipologia di casi) a titolo di cauzione.

Con il nuovo decreto, però, tali spese possono essere sostituite da una polizza fidejussoria assicurativa. Se è vero che in questo caso le spese da sostenere sono decisamente inferiori, è anche vero che la compagnia di assicurazioni chiederà dei beni da poter pignorare in caso di mancato pagamento.

Senza questi beni, la richiesta potrebbe esserti rifiutata. Oltre alle spese, sappi che per diventare investigatore privato e partire con la tua attività, dovrai avere una laurea (almeno triennale) e fare tirocinio per tre anni presso un’altra agenzia investigativa.

Dopo il tirocinio, il titolare della nuova agenzia investigativa dovrà richiedere l’autorizzazione in Prefettura ogni anno (con tutti i documenti del caso) e aprire la partita Iva per gli oneri fiscali.

Per le agenzie investigative il compito più difficile è rispettare la privacy delle persone su cui indagano. Prima di tutto, le agenzie investigative non possono spiare qualcuno senza un committente che l’abbia richiesto.

Prima di iniziare il lavoro, il committente dovrà spiegare le motivazioni che lo costringono a rivolgersi a un’agenzia investigativa e per quanto tempo sarà necessario seguire la persona che sarà oggetto di indagine da parte dell’agenzia. Solo dopo aver chiarito questi punti, potrai procedere con la tua attività investigativa.

Gestire un’agenzia investigativa non è uno scherzo, ma sicuramente è uno sforzo per cui vale la pena!

Comments

comments

Powered by Facebook Comments