Archivio mensile:ottobre 2013

Userfarm al Crowdsourcing Week di Londra

Uno dei più importanti incontri a livello mondiale sul tema del crowdsourcing

Si è da poco conclusa la “Crowdsourcing Week”, un summit internazionale che ha raggruppato leader e innovatori da tutto il mondo, con lo scopo di condividere idee e progetti all’avanguardia, esplorando le molteplici possibilità offerte dal ‘crowdsourcing’.
Il crowdsourcing è un modello economico che fa dell’outsourcing e della collaborazione i suoi cardini, è basato sulla condivisione di conoscenze su larga scala per l’ideazione, lo sviluppo e la realizzazione di progetti lavorativi.
Il futuro è tutto basato sulla partecipazione e la capacità di co-creare un mondo sempre più connesso. Questo nuovo modo di affrontare le cose, la collaborazione sempre più innovativa ed aperta grazie al crowdsourcing, è una sfida per i modelli di business e per un migliore funzionamento delle organizzazioni, che offre svariate opportunità di ripensare e reinventare processi convenzionali.
Al summit londinese sono intervenute personalità di spicco del settore, apportando esempi sul come il crowdsourcing abbia permesso loro di stimolare l’innovazione nei propri mercati, aiutandoli in tal modo ad accrescere la redditività delle loro organizzazioni.
Bruno Pellegrini, CEO di Userfarm, principale player europeo di video crowdsourcing, ha focalizzato il proprio speechsull’innovazione che il video crowdsourcing fornisce ai brand in termini di illimitata creatività.

Unconventional network: CircleMe, la piazza virtuale delle passioni


L’obiettivo è ambizioso: essere la prima e reale risposta italiana ai tradizionali social network per tutto ciò che riguarda interessi e passioni. Si tratta di CircleMe, l’innovativo network che consente alle persone di interagire direttamente con i propri interessi. Oggi con oltre 1 milione di passioni e pagine correlate e una media di oltre 5000 (tasso di crescita mensile del 30%) contenuti pubblicati al mese, CircleMe è una vera e propria piazza virtuale che permette alle persone di vivere, approfondire e scoprire ciò che li appassiona nella vita.

CircleMe ha già iniziato la sua personale scalata in Italia e all’estero: la piattaforma è stata  lanciata un anno e mezzo fa e da quel momento è cresciuta molto in termini di contenuti e servizi offerti agli utenti, forte anche dell’ultimo round di finanziamenti appena ricevuto da Innogest Capital per un investimento totale pari a oltre 2 milioni di euro. Oggi è disponibile in tutto il mondo, utilizzata in particolare in Italia, Gran Bretagna, Francia, Brasile e USA.

Disponibile via web e come app per iPhone, la piattaforma oggi è solo in lingua inglese, ma nei prossimi mesi saranno disponibili le versioni localizzate per diversi paesi compresa l’Italia. Si prevede anche il lancio della app per Android intorno a novembre 2013.
 
Un mondo di interessi su CircleMe

Grazie a un’interfaccia di alto livello, tecnologie semantiche sofisticate e sistemi di social recommendation evoluti, su CircleMe è semplice e immediato interagire con i propri interessi: le persone hanno a disposizione oltre 1 milione di passioni (contro le 300.000 presenti al lancio) a cui connettersi, con la possibilità per l’utente stesso di inserirne anche di nuovi. La scelta spazia tra diverse categorie tematiche come ‘Musica’, ‘Film’, ‘Serie TV’, ‘Luoghi, ‘Libri’, ‘Personaggi famosi’, ‘Cibi e bevande’, ‘Sport’. A questi si sommano altri 11 milioni di interessi potenziali, accessibili grazie all’integrazione con i database di Facebook, Wikipedia, Freebase (Google), Last.fm, Foursquare, Wine.com e Goodreads.

Ad oggi, le categorie più ricche su circleme.com sono quelle relative ai ‘Personaggi Famosi’ (come Johnny DeppTim Burton e Steve Jobs) e ai ‘Luoghi’ (come New York,  Londra e Italia), che comprendono rispettivamente oltre 180.000 e 160.000 pagine dedicate. Da segnalare anche la categoria ‘Prodotti’, dedicata ai beni di consumo come, ad esempio,  “Nutella o “’iPhone”: sulla piattaforma ve ne sono quasi10.000, per i quali gli utenti non solo esprimono il proprio interesse, ma anche l’intenzione ad acquistare o utilizzare quel dato prodotto, con un infinito potenziale come strumento di digital marketing e display adversing.

All’interno delle pagine a cui ci si collega, l’utente può trovare una serie di contenuti fruibili e servizi come:immagini, musica da iTunes, video da YouTube, articoli sul web, informazioni su ristoranti, date e acquisto biglietti di concerti, e-book e molto altro ancora. 

Viaggio al centro delle passioni

CircleMe è un network facile da utilizzare: si crea il proprio profilo e a quel punto viene richiesto di esprimere i propri ‘like’ (o passioni personali) o di importare quelli già presenti su altre piattaforme. CircleMe, a quel punto, inizia a suggerire contenuti e servizi relativi alle passioni dell’utente. Inoltre, il sistema suggerisce anche altri interessi che potrebbero essere pertinenti con quelli già espressi e l’utente può  curiosare tra i milioni di argomenti e interessi già presenti nel sistema o anche crearne di nuovi, per cominciare a delineare meglio il proprio profilo in base alle sue reali passioni. Quando scova un nuovo interesse, l’utente può esprimere il proprio apprezzamento (‘Like’) o l’intenzione ad approfondirlo nella vita reale (‘To Do’) o, ancora, segnalare un luogo fisico legato a quell’interesse specifico (‘Plant’) per fornire ad altri utenti con la stesso interesse informazioni geo-referenziate su questo.

CircleMe.com nasce per fornire contenuti e servizi alle persone su temi di reale interesse, attraverso uno strumento di ‘serendipità intelligente’ che offre spunti, suggerimenti e idee”, ha spiegato Giuseppe D’Antonio, co-ideatore e CEO di CircleMe. “Le persone creano una vera e propria rete di ‘passioni’, scoprendone anche di nuove semplicemente esprimendo il proprio ‘like’ sulla pagina associata a quel ‘concetto’ specifico. L’interazione con altre persone viene stimolata solo se ci sono degli interessi in comune tra gli utenti, come per altro avviene nella vita reale”.

Ecco un video che spiega come funziona CircleMe:

In questo video, invece, Giuseppe D’Antonio si racconta. La sua storia, le sue personali passioni e la sua creatura CircleMe:

Informazioni su CircleMe
CircleMe  è un innovativo network per la condivisione di interessi, che consente alle persone di interagire con le proprie passioni, superando i limiti dei social network tradizionali. Disponibile tramite web o app per iPhone, è una piattaforma sviluppata in Italia che guarda anche all’estero: oggi è disponibile in tutto il mondo e utilizzata in particolare in Italia, Gran Bretagna, Francia, Brasile e USA. CircleMe nasce dall’idea vincente di Giuseppe D’Antonio ed Erik Lumer e viene lanciata ufficialmente nel 2012. Il progetto ha ricevuto da Innogest Capital 3 round di finanziamenti per un totale di oltre 2 milioni di euro. Con un team internazionale basato tra Milano e Londra, ha vinto diversi premi ed è stata una delle due startup italiane finaliste al Mobile Premier Award 2013 del Mobile World Congress di Barcellona. Al momento, CircleMe ha all’attivo collaborazioni con iTunes, Songkick e Cibando per l’integrazione dei loro servizi all’interno della piattaforma.

Sito: www.circleme.com
Facebook: https://www.facebook.com/CircleMeTeam
Twitter: @CircleMe
app per iPhone: https://itunes.apple.com/it/app/circleme/id505991146?mt=8